lunedì 13 novembre 2017

Come usare le CANNUCCE DI CARTA per tenere in ordine NASTRI COLORATI

Eh sì, le CANNUCCE DI CARTA si possono usare anche in maniera non tradizionale (esempi  tradizionali qui, qui, qui e qui).

Tutto è nato da una chiacchierata con Silvia (sorella e autrice del blog Tocco di LI'LLA').
Stavamo parlando di come conservare i nastri colorated i pizzi che usiamo per le nostre creazioni. Io li tenevo tutti ingarbugliati in varie scatole ed ogni volta che mi servivano ... apriti cielo!

Lei aveva cominciato, invece, ad arrotolarli attorno a dei cartoncini in modo che fossero  in ordine e facili da trovare. Un'ispirazione.

Tra le tante (troppo ;-))) cose che tengo, avevo anche dei tubi di cartone della carta da cucina e dell'alluminio. Ho cominciato ad avvolgere i primi nastri attorno a questi tubi ma ... non ne avevo abbastanza. Che fare?

"Ma perché non usare le cannucce di carta?" mi sono detta.


Ne ho prese un bel po', le ho tagliate della lunghezza adatta alla scatola in cui volevo riporre i nastri, le ho divise a gruppetti di 8 e le ho avvolte con del nastro adesivo in tre punti (inizio, fine e centro).


Le trovo veramente comode perché si può infilare l'inizio del nastro tra le cannucce per bloccarlo e rendere più facile avvolgerlo. 



Ne ho preparate un bel po' in modo da riporre tutti i nastri che avevo. Ne ho riempito due scatole!
E voi come tenete nastri e pizzi?  Ordinati e facili da trovare oppure ...

A presto 
Maria

martedì 7 novembre 2017

CUORE di CANNUCCE DI CARTA con Stella di Natale (riciclo CIALDE DEL CAFFÈ)

Oggi un doppio riciclo per Natale.
L'anno scorso avevo comprato dei cuori in vimini intrecciato e li avevo abbelliti con una Stella di natale creata con le cialde del caffè. Sono piaciuti e li ho venduto in fretta (e, come sempre, i soldi sono andati al nostro PROGETTO BAMBINI CARDIOPATICI).

Quest'anno ho deciso, quindi, di  prepararne altri ma, mi sono detta : "Perché non provare ad intrecciarli io stessa usando le cannucce di carta?"

Ecco come ho fatto:



Per prima cosa ho dipinto 10 cannucce di carta con colore acrilico bianco ed ho tagliato 70 cm di filo di ferro (foto 1). Ho infilato, quindi, il filo di ferro in una delle cannucce (foto 2)



Ho piegato a metà la cannuccia con il filo di ferro (foto 3) e le ho dato la forma a cuore. I pezzi di filo di ferro in più li ho arrotolati tra loro e infilati in un'altra cannuccia che ho incollato al cuore (foto 4)



Ho iniziato poi ad arrotolare le cannucce attorno al cuore (foto 5) infilando, mano a mano,  tutte le cannucce (foto 6)



Terminato il cuore ho incollato l'ultimo pezzo di cannuccia sotto le altre (foto 7) quindi ho dato un ultima mano di bianco (foto 8)

L'ho abbellito con una Stella di Natale realizzata con le mitiche cialde del caffè, qualche foglia e qualche rametto. L'ho impreziosito con un nastro écru e  ho aggiunto un nastrino rosso per appenderlo alla porta oppure in casa, per dare un tocco natalizio.





Questo è il primo di una serie di cuori che vi mostrerò prossimamente e che sono in vendita nel Mio shop e nel negozio MissHobby.
Le offerte raccolte serviranno per operare un bimbo malato di cuore della Guinea Bissau come MARCELO, ABDULAI,  BATHCUTCHAM, MILA , HÈLIA, QUINTINO ...  e tutti gli altri bambini operati al cuore che sono tornati guariti e felici dalle loro famiglie grazie anche al vostro aiuto.

Vi ricordo l'omaggio alle Canzoni di Battisti e Mogol al Teatro Filarmonico di Verona a favore del progetto Napenda Kukua (Vorrei studiare)
il 25  novembre.



A presto
Maria

venerdì 3 novembre 2017

Ancora VESTITI MODIFICATI ed ALLUNGATI con FANTASIA

La serie di magliette camicette  o vestiti modificati continua.
Oggi vi mostro un paio di abiti che ho sistemato questa estate.

Il primo era un vestitino che mi ero cucita ancora 20 anni fa (come vola il tempo!) per il matrimonio di una cugina.
Purtroppo mi sono dimenticata di fotografarlo prima del restyling.
Questo è il modellino di Burda che avevo seguito (il mio non era venuto così bene, naturalmente!). 



Avevo usato un fresco lana nocciola e non avevo messo fasce più lucide come nel modello del giornale. Inoltre, essendo alle prime armi, per fare l'orlo perfetto ... taglia che ti taglia, il vestitino era venuto un po' cortino.

Ma per quell'occasione è andato bene!  Non era, però, un vestitino che mettevo volentieri. Troppo scollato e troppo leggero per la stagione invernale, e troppo caldo per l'estate avendo le maniche.

Che fare? Quest'estate ho deciso di modificarlo radicalmente. Ho tolto le maniche e ne ho utilizzato, in parte, la stoffa per rifinire il giro manica.

Ho utilizzato, poi, il rimanente per aggiungere un pezzo di stoffa sul fondo dell'abito per allungarlo.
Logicamente si vedeva sia la giunta sia il fatto che la stoffa non seguisse il drittofilo.
Ho comprato, allora del pizzo color nocciola e l'ho cucito sopra.
Ed ecco il risultato. Già sfoggiato ad un altro matrimonio.


Che ne dite?





Il secondo abito che vi mostro è, invece, un tubino che ho comprato già confezionato ma ... troppo corto (ma perché li fanno sempre così corti? Perché non pensano anche a noi che non abbiamo più l'età per certe cose?)

E' un tubino di pizzo di un rosa un po' particolare (foto 1). Sono andata in varie mercerie o negozi di stoffe per trovare un pizzo o uno scampolo che fosse dello stesso colore ma ... senza risultato.
L'unica cosa che ho trovato era del velo in tinta. 



Non soddisfatta ho lasciato lì il vestito in attesa di qualche illuminazione ed un giorno...
Trovato del pizzo bianco alto, ho pensato di porlo sopra al velo tagliato ad un'altezza doppia del pizzo (foto 2) quindi piegare il velo e fare uno zig zag a macchina tenendo all'interno il pizzo (foto 3)

Infine ho cucito questa striscia di velo e pizzo sotto il vestito.




A me non dispiace ed ora il vestito posso metterlo senza problemi.





Ma i "restauri" non sono finiti! ;-)))

Vi ricordo la Cena del Cuore, una cena solidale a favore del Progetto Bambini cardiopatici
sabato 4 novembre a Concorezzo (Mi)


Ed un omaggio alle Canzoni di Battisti e Mogol al Teatro Filarmonico di Verona a favore del progetto Napenda Kukua (Vorrei studiare)
il 25  novembre.


A presto
Maria
SalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalva

lunedì 30 ottobre 2017

FUORI PORTA natalizio con RICICLO CIALDE DEL CAFFÈ

Ed è arrivato anche per me il momento dei primi lavori di Natale
Devo dire che questo Fuori porta l'ho realizzato subito dopo il Natale scorso.

Io sono così. Quando tutto parla di Natale, quando ogni foto che guardi riguarda la creatività natalizia ... io non riesco a creare molto perché sono un po' troppo "piena" di "natalizite". ;-)))

Ma appena passa quel periodo e nessuno parla o posta più nulla riguardante il Natale, io mi scopro piena di idee e di voglia di realizzarle. E così è nato questo FUORI PORTA "cialdoso".

Sono partita da un cerchio di alluminio di 30 cm: lo scarto della produzione di una piccola fabbrica di pentole che avevo già usato qui, qui, qui e qui per centrotavola ed altri fuori porta.

L'ho dipinto con colore oro acrilico (foto 1), quindi ho ritagliato, da cialde di vari colori, alcune forme (come da foto 2) per creare le candele (foto 3) che ho incollato al cerchio di alluminio.



Ho ritagliato anche delle piccole foglie (foto 4) che ho posizionato sotto le candele (foto 5). Ho aggiunto, poi, un nastro dorato al quale ho attaccato delle campanelle ricavate sempre da altre cialde (foto 6) e dei piccoli tondi di cialda rossa per creare le bacche. 



Ho realizzato le venature sulle foglie con delle forbici, poi, ho creato delle ombre con glitter in tinta con le candele.

Per rifinire il tutto ho incollato, attorno al Fuori porta, un nastro ritorto rosso e ho ritagliato le lettere BUONE FESTE, sempre da cialde rosse.






Ed ecco il FUORI PORTA NATALIZIO pronto per essere appeso.





Anche questo FUORI PORTA  lo potete trovare nel Mio shop e nel negozio Miss Hobby!
Le offerte raccolte serviranno per operare un bimbo malato di cuore della Guinea Bissau come Mila, Hélia e Quintino di cui vi ho parlando negli ultimi post.

A presto
Maria

lunedì 23 ottobre 2017

MAGLIETTA ALLARGATA usando un vecchio body (con TUTORIAL) e iniziative solidali!

Vi capita mai di avere delle magliette o dei vestiti che vi piacciono tanto ma che non riuscite più a mettere perché troppo stretti o corti o ...

A me capita spesso. Ci sono capi di abbigliamento ai quali sono affezionata e che mi spiace veramente tanto dare via così cerco sempre un modo fantasioso per sistemarli.


Quest'estate ho trovato alcune magliette che ormai non mettevo più.
Oggi vi faccio vedere la prima che ho sistemato utilizzando un vecchio body.

Era una splendida maglietta rosa chiaro ma ... era stretta.



Ho deciso, allora, di allargarla inserendo un triangolo di pizzo bianco ricavato da un vecchio body che ormai non mettevo più. Per concludere il tutto ho realizzato anche un fiocchetto, sempre con lo stesso body, che  ho cucito sulla punta del triangolo.



Che ne dite?
Adesso la metto decisamente volentieri. L'inserto sarebbe sulla parte posteriore ma ... non mi dispiace anche sul davanti della maglia. 







Vi lascio con l'invito a due eventi speciali organizzati da Kibinti da Voci e Voti ( le due associazioni di cui faccio parte):

La Cena del Cuore, una cena solidale a favore del Progetto Bambini cardiopatici
sabato 4 novembre a Concorezzo (Mi)


Ed un omaggio alle Canzoni di Battisti e Mogol al Teatro Filarmonico di Verona a favore del progetto Napenda Kukua (Vorrei studiare)
il 25  novembre.


A presto
Maria
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...