domenica 25 gennaio 2015

(6) Storia di DIAMANTINO (Tò) - PROGETTO BAMBINI CARDIOPATICI

(5) continua...


Il fine settimana scorre veloce.
La domenica lo portiamo a Messa per la prima volta.

Si siede nei primi banchi, a fianco del coro dove canta anche Elisabetta e resta impettito e silenzioso per tutta la celebrazione. Ne restiamo piacevolmente stupiti. Non immaginavamo proprio che sarebbe stato calmo data la sua vivacità.

A pranzo usciamo con alcuni amici nel Mantovano e qui Tò può dare sfogo a tutta la sua vivacità. Corre in mezzo alla neve ma ad un certo punto lo vediamo accosciarsi con il fiato corto cercando di riprendere le forze.


Fabio lo porta in braccio fino all’auto dove, poco dopo, si addormenta. E’ talmente allegro e vivace che ci dimentichiamo, a volte, che è molto malato.

A casa ci mettiamo tutti seduti vicini vicini sul divano per guardarci un cartone animato assieme.

“Speriamo che sia “ipnotizzato” dalla tv come tutti i bimbi” mi sussurra Fabio all’orecchio.
“Avrei proprio voglia di rilassarmi un po’”.
Purtroppo scopriamo che i cartoni animati non sono di suo gradimento. Vuole guardare le foto sull’Ipad e Tati, con grande pazienza, risponde per più di un’ora a tutte le sue domande sui volti che scorrono sullo schermo.
Noi riusciamo, finalmente, a riposare un po’. Siamo abbastanza stanchi perchè la notte Tò si sveglia spesso e a volte fa pipì nel letto. Avevo ormai dimenticato come ci si dorma poco quando i bimbi sono piccoli.


Prima di cena il rito del bagnetto che Tò ama tantissimo.
“Maia, manga di iagu, manga di iagu” (Maria tanta acqua, tanta acqua)
Si spoglia da solo (come tutti i piccoli africani è molto autonomo) ed entra nella vasca dove sguazza beato.
A casa è abituato ad una doccia veloce con un paio di caraffe d’acqua versate sul capo. Qui non vorrebbe mai uscire dalla vasca e continua ad insaponarsi e sciacquarsi.
Quando riesco finalmente ad avvolgerlo nell’accappatoio vuole fare tutto da solo.
Gli spalmo un bel po’ di crema sul corpo perchè la sua pelle, con il freddo, è diventata molto secca poi lui si veste e vuole aiutarmi a mettere tutto in ordine.
Mentre lo osservo penso che sembra sempre vissuto qui. É Tutto nuovo per lui eppure sembra tutto così familiare, così usuale.

Una telefonata mi distoglie da questi pensieri.
“Ciao Antonia. Si.... Va bene! Ci vediamo domani allora. Grazie!”
L’operazione è stata fissata per il 16 ma, prima, bisogna rifare l’angiotac ed altri esami.
Il giorno dopo, ci ricoverano in pediatria e, sistemato l’ago adatto nel braccio, ci portano  a fare l’esame.

Questa volta decidono di sedarlo per paura che si agiti. L’idea è buona perchè riescono a fare tutto in fretta e a vedere nei particolari la patologia di Tò.
Purtroppo, però, al suo risveglio si ha l’effetto paradosso: il farmaco usato per l’anestesia  crea un effetto contrario a quello previsto. Tò è incontenibile, iperattivo, agitatissimo.

Non so più come tenerlo. Cerco di calmarlo con le canzoni e le coccole ma non ottengo niente.
Rientrati in reparto, scappa dalla stanza più volte. Lo rincorro e lo fermo appena in tempo prima che esca dalle porte lasciate aperte inavvertitamente ed entri in terapia intensiva.

Le provo tutte, poi, esasperata, provo a non dare importanza alle sue marachelle, a fare finta di niente per vedere se non sia solo un modo per attirare la mia attenzione.

Lui mi guarda con aria di sfida, prende al volo la mia borsa e corre fuori sperando che lo rincorra ma, questa volta, inciampa nelle gambe di una dottoressa che lo blocca.

Alta e ben piantata, lo prende in braccio e lo porta nel suo ufficio.
“Adesso lei va a prendersi un caffè e lo lascia qui con me!” Il suo tono non ammette repliche e il suo sguardo è di comprensione mista a compatimento.
“Non si preoccupi per lui, ci penso io!”
Mi ricorda una Valchiria. Me la immagino fiera sul suo cavallo con i biondi capelli al vento e la lancia in mano dopo aver fatto strage di nemici.
La lascio volentieri con “tremendino” e scendo al bar per tirare un po’ il fiato.
Più che di un caffè, avrei bisogno di una camomilla!

Riprendo il controllo e torno in pediatria. Trovo Tò, seduto sulla scrivania che guarda al computer delle immagini di animali e se le fa fotocopiare. Sì è calmato e torna con me in camera senza fare storie. 

Nel frattempo è arrivata una mamma con un bimbo di quattro mesi che domani dovrà essere operato al capo. Ci salutiamo ma noto subito che mi guarda con insistenza. Scopro che è una compagna di classe di mia cugina e ci mettiamo a chiacchierare.

Fabio arriva a darmi il cambio verso le 20. Tò non vorrebbe che andassi via e fa un po’ di capricci. Si calma solo quando Fabio gli permette di sentire un po’ di musica con il cellulare: benedetta tecnologia!
Linky Party 2015

50 commenti:

  1. sei davvero grande!!!!!!Mi hai commosso!!!!Continua cosi', sono poche le persone straordinarie, con un grande cuore come te!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima Sabrina.
      Tu commuovi me con le tue parole!
      Ma ce ne sono tante di persone generose e con un cuore grande.
      E’ che non fanno rumore mentre il male ne fa anche troppo.
      Un abbraccione Maria

      Elimina
  2. maria , che dirti sei troppo, complimenti!
    ti ho spedito un piccolissimo contributo, spero arrivi presto....
    simona:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Simona.
      Sei gentilissima e molto generosa.
      Ti avviso appena arrivano le tue supercreazioni.
      Un abbraccio Maria

      Elimina
  3. Tienes un gran corazón tú y tu familia, con este proyecto tan bonito. Espero que la historia de Tò termine estupendamente. Abrazos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muchas gracias Ligia. Es usted muy amable.
      Afortunadamente Tò sanó perfectamente y ahora es hora de volver a casa con su familia.
      Un abrazo Maria

      Elimina
  4. Che belle esperienze e quanto amore. Bravi, tutti.
    Un abbraccio
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Sinforosa.
      E’ stata un’esperienza veramente carica d’amore ma anche di fatica. Ma ne valeva la pena!
      Un abbraccio Maria

      Elimina
  5. Hai un cuore grande Maria,.. il Signore vi benedica e vi dia Egli ciò che avete bisogno, per poter andare avanti, facendo quello che state già facendo. Un abbraccio forte !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore cara Claudia.
      Che il Signore benedica anche voi che ci sostenete con l’affetto e la preghiera.
      Un forte abbraccio Maria

      Elimina
  6. GRANDE!!!!
    Sono davvero poche le persone che invece di parlare e basta, agiscono e una di queste sei tu!!!
    Leggo appassionatamente le storie che scrivi perchè mi sembra di essere li con te, invece tu sei davvero in quell'ospedale ad aiutare quei bambini con problemi reali mentre io sono davanti ad un computer.......
    Ti ammiro tantissimo!!! BRAVA!!!
    Kisssssssssssssssss

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Betta.
      Sei molto gentile.
      Io sono in ospedale con i bimbi, è vero, ma senza l’affetto e la vicinanza di chi, come te, ci segue magari davanti ad un computer, niente sarebbe possibile.
      Un forte abbraccio Maria

      Elimina
  7. Seguire un bambino è già di per sé impegnativo, ma con così tanti problemi lo dev'essere ancora di più… sei davvero super, Maria…Mi ha colpito molto il particolare dell'acqua, noi diamo per scontato che si apra un rubinetto e ci si possa lavare, ma non è così per tutti…un abbraccio e un in bocca al lupo al piccolo e dinamico To' !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore cara Carmen.
      Hai proprio ragione: noi diamo per scontato che sia tutto normale ma per molte persone non lo è.
      Un abbraccione grande anche a te
      Maria

      Elimina
  8. che dolcezza Maria queste tue esperienza di vita ... un amore incommensurabile da dare al prossimo più bisognoso di amore e cure .... è vero che gli Angeli abitano tra noi e tu sei uno di loro ....posso stringerti forte ???? lo faccio ... bacioni
    giusi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Giusi, sei sempre gentilissima.
      Non sono un angelo (ho un caratterizzo!!!) ma spero di riuscire a fare un po’ di bene a chi ne ha bisogno.
      Certo che puoi stringermi forte!
      Ricambio con affetto!
      Maria

      Elimina
  9. E benedetta tecnologia davvero! =)))
    A volte è proprio una comodità... quando non diventa un problema.... la mia piccola (che è al suo primo cellulare da circa un mese) quando ce l'ha in mano non capisce più niente!
    Mi sembra di vederla la dottoressa "Valchiria"... mi hai fatto ridere, oltre che commuovere, con questa bella storia.
    Un abbraccio. =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore cara Dani!
      Già, la tecnologia!
      Tò ne è stato conquistato e “stregato”!
      E la dottoressa valchiria: Aveva un cipiglio! Mi ha salvato in un momento veramente al limite!
      Un abbraccione Maria

      Elimina
  10. Quanto sei brava, quanto amore... bravissima cara!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore cara Simona.
      Sei molto gentile.
      Hai proprio ragione: tanto amore dato e ricevuto ( e anche tanta pazienza!)
      Un abbraccione Maria

      Elimina
  11. Mamma mia... che pazienza e quanto amore avete avuto. Posso solo immaginare! Dio vi ha veramente dato un dono straordinario ♥ Mi ha fatto morire la tua visione della "valchiria" ahahah! troppo forte! Come è troppo forte Tò!
    Davvero... che il Signore vi benedica immensamente e sempre di più ♥
    Un bacione grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Vivy, sei sempre gentilissima.
      Grazie di cuore. Tanto amore dato e ricevuto e tanta pazienza con il piccolo “tremendino”!
      E per fortuna che c’era la Valchiria altrimenti non so come ne sarei uscita!
      Che il Signore benedica tantissimo anche voi! senza il vostro aiuto e sostegno nulla sarebbe possibile1
      Un abbraccione forte Maria

      Elimina
  12. Mi hai commosso. Vi auguro una bellissima vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Ombretta!
      Un augurio molto bello che giro anche a te.
      Un abbraccio Maria

      Elimina
  13. Mamma mia che terremoto!
    Ma è anche un amore questo bambino.
    Sei bravissima e poi hai saputo raccontare questa storia così bene che ero lì con te e stavo rincorrendo Tò.
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore cara Norma.
      Magari ci fossi stata anche tu!
      Quel giorno ero proprio al limite!
      Per fortuna è arrivata la “Valchiria”.
      Un abbraccione Maria

      Elimina
  14. I tuoi sacrifici per i bimbi che necessitano cura sono davvero tanti, ti apprezzo molto per questo.
    buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore cara Sabrina.
      Non nego che le fatiche siano state tante ma … anche l’amore e la gioia ricevuti!
      Un forte abbraccio Maria

      Elimina
  15. Cara Maria rieccomi dopo la nostra grande festa di anniversario e compleanno.
    Ti faccio un commento in fretta perché voglio arrivare da tutti che purtroppo ho trascurato.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti preoccupare Tomaso!
      Grazie di cuore e … ancora tanti auguri!
      Un abbraccio Maria

      Elimina
  16. Mi sento sempre inadeguata a commentare i racconti come i tuoi, perché si può mai dire che mi sono commossa, che è una bella storia e che quello che fai (e fate) è grandioso? Mi sento mediocre ed inutile a confronto, allora mi dico, è meglio non fare commenti.... ma poi non riesco a non dirti quanto bene penso di te...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima Anna, sei molto gentile.
      Ma non sentirti inutile: già solo con il tuo affetto e la tua vicinanza stai facendo molto.
      Mi dai lo sprone per continuare.
      Un forte abbraccio Maria

      Elimina
  17. Sei straordinaria Maria!!! un bacione ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissimi.
      E voi siete sempre splendidi e mi scaldate il cuore.
      Un abbraccio Maria

      Elimina
  18. Mi hai fatto commuovere enormemente, sei i veri eroi di questo tempo. Un abbraccio per To.
    Ciao
    Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore cara Flavia.
      Niente di eroico, ti assicuro. Solo tanto amore dato e ricevuto.
      Un forte abbraccio Maria

      Elimina
  19. Ho letto tutto d'un fiato... ora aspetto il seguito! Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arriverá presto cara Dani.
      Grazie ed un abbraccio Maria

      Elimina
  20. Eh si...la tecnologia aiuta eccome!!!
    Io sono sempre stata contraria, ma anche mio nipotino è sul "vivace andante" ^^ e devo dire che a volte, quando non sai proprio più dove girarti, qualche aggeggino tipo telefono, tablet etc, è un grosso aiuto!!!!!
    Un bacio grande a te e a tutta la tua splendida famiglia! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione Rama.
      Anche a me non piace che stiano troppo davanti a tv, iPad ... ma quando propio non c'è la fai più...
      E Tó era veramente un terremoto!
      Un abbraccione anche a te
      Maria

      Elimina
  21. Complimenti davvero per tutto quello che fai, Maria, tu e la tua famiglia! Persone come voi rendono il modno migliore! Un augurio di ogni bene a tutti! Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore a voi.
      Ogni piccola goccia é importante nel mare della solidarietá.
      Un abbraccio Maria

      Elimina
  22. Ciao Maria Complimenti e sempre Brava per tutto quello che riesci a fare !
    Sono molto presa questa settimana perchè mi si è presentato un problema in più, oltre a quelli soliti della mia vita ;-)
    Un abbraccio grane buon pomeriggio e migliore settimana appena iniziata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Arwen.
      Mi spiace molto per i problemi in piú, speriamo che si risolvano al piú presto.
      Ti sono vicina.
      Un abbraccio Maria

      Elimina
  23. Quanta tenerezza e pena si lo devo dire, mi fanno i bimbi malati..anche nelle cose più insignificanti. Figuriamoci i malati di cuore e io che non sono immune da questa patologia, posso capire come si possa sentire un bimbo così piccolo e così carino..
    In bocca al lupo per tutto, e tanti bacini a Tò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Nella.
      Hai proprio ragione, i bimbi malati fanno tanta tenerezza.
      Per fortuna Tò, a differenza di Ronei, è guarito e ora è tornato dalla sua famiglia (il mio racconto si riferisce a tre anni fa).
      Mi spiace molto per i tuoi problemi.
      Ti sono vicina.
      Un forte abbraccio Maria

      Elimina
  24. Sei davvero da ammirare! Non è facile gestire i bambini, se poi non sono i propri o sono malati è ancora più complicato... vi mando un grosso abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Silvia.
      Sei molto gentile.
      Non è stata una passeggiata è vero, ma ... ne valeva la pena!
      Un forte abbraccio Maria

      Elimina
  25. Va bene, va bene ... ricomincio da qui a recuperare la valanga di post arretrati: quante cose che mi sono persa in questo periodo, cara Maria. Ho letto alcuni tuoi post, ma sempre di fretta con poco tempo per commentare. Ho sbirciato le foto naturalmente e ho visto cose meravigliose, come sempre.
    Ma quando leggo post come questo mi rendo conto che la vera meraviglia sta nel tuo grande cuore.Bravissima!
    Cara amica, mi sei mancata e torno volentieri a leggerti.
    Un abbraccio
    Fede

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che dolce che sei Federica!
      E’ una gioia anche per me ritrovarti qui (ma non ci siamo mai perse di vista, dai!).
      Un abbraccione grande Maria

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...